associazione culturale"La Ginestra"
home storia  squadra statuto spettacoli teatrali copioni iniziative concorsi pubblicazioni contatti gite decennale


.


ATTO COSTITUTIVO DI ASSOCIAZIONE

Oggi, sei giugno 1996, su iniziativa di un gruppo di insegnanti, costituitisi in “COMITATO PROMOTORE”, è stata convocata un’assemblea per la costituzione dell’ASSOCIAZIONE CULTURALE “LA GINESTRA”, con sede provvisoria in Cingoli, via dei Cerquatti 12.

All’assemblea sono presenti i Signori:

QUARESIMA LUIGINO

CICCONI CRISTINA

BONCI DELFA

NOCELLI SABRINA

TARASCIO EMANUELA

POLLONARA GIULIANA

GIORDANI LAILA

MARCHEGIANI GIOVANNA.

In tale assemblea sono stati illustrati, discussi ed approvati gli scopi fissati dagli articoli dello Statuto        dell’ Associazione che è parte integrante di questo atto costitutivo e si è proceduto all’elezione delle cariche sociali:

PRESIDENTE: QUARESIMA LUIGINO

VICE PRESIDENTE: NOCELLI SABRINA

SEGRETARIO: MARCHEGIANI GIOVANNA

TESORIERE: TARASCIO EMANUELA

CONSIGLIERE: GIORDANI LAILA

CONSIGLIERE: BONCI DELFA

CONSIGLIERE: POLLONARA GIULIANA

CONSIGLIERE: CICCONI CRISTINA.

Il presente atto, trascritto in carta legale unitamente allo Statuto, sarà registrato presso l’Ufficio del Registro di Jesi, atti privati.

STATUTO

ARTICOLO 1

E’ costituita con sede provvisoria in Cingoli, via dei Cerquatti 12, l’ASSOCIAZIONE CULTURALE denominata “LA GINESTRA”.

L’ASSOCIAZIONE , si intende costituita da quanti hanno sottoscritto l’atto costitutivo e da quanti ad esso aderiranno successivamente secondo le modalità fissate dal Consiglio Direttivo.

ARTICOLO 2

L’ASSOCIAZIONE è indipendente, apolitica, aconfessionale ed ha durata illimitata.

ARTICOLO 3

L’ASSOCIAZIONE è senza finalità di lucro.

ARTICOLO  4

L’ASSOCIAZIONE ha lo scopo di promuovere iniziative educative e culturali, partendo in via prioritaria dalle esigenze formative dei ragazzi e dei giovani ed ispirandosi a valori unanimemente riconosciuti e condivisi (educazione alla pace, alla solidarietà, alla cooperazione, al dialogo, al confronto, all’accettazione del diverso, al rispetto dell’ambiente in ogni usa manifestazione).

ARTICOLO 5

L’ASSOCIAZIONE è aperta alla collaborazione con il Comune di Cingoli, la Comunità Montana del San Vicino, la Provincia di Macerata, la Regione Marche e tutti gli altri Enti o Associazione Culturali presenti nel territorio, comprese le istituzioni scolastiche, per la migliore realizzazione delle iniziative programmate.

ARTICOLO 6

L’ASSOCIAZIONE invita a discutere la propria programmazione annuale il Sindaco del comune di Cingoli, il presidente della Comunità Montana del San Vicino ed i capi d’istituto del scuole del Cingoli.

ARTICOLO 7

L’ASSOCIAZIONE ha le seguenti categorie di soci:

1)      SOCI ORDINARI;

2)      SOCI SOSTENITORI.

Nella categoria dei Soci Ordinari sono ammessi tutti quelli che versano la quota stabilita annualmente.

Nella categoria dei Soci Sostenitori sono ammessi tutti coloro che versano oltre alla quota fissata per i Soci Ordinari, un contributo particolare per l’affermazione e l’incremento dell’ASSOCIAZIONE.

 
ARTICOLO 8

Per essere ammessi all’ASSOCIAZIONE in qualità di soci, gli interessati dovranno presentare domanda (orale o scritta) al Consiglio Direttivo, che ha la facoltà di accettare o respingere la richiesta.

ARTICOLO 9

I soci che si rifiutano, dopo esplicito invito scritto, di pagare le quote sociali saranno dichiarati morosi e perderanno automaticamente la qualità di soci.

ARTICOLO 10

L’assemblea dei soci è convocata in seduta ordinaria o straordinaria. La convocazione è fatta dal Consiglio Direttivo con avviso personale.

ARTICOLO 11

L’assemblea, in seduta ordinaria è convocata entro il 31 dicembre di ogni anno. La convocazione in seduta straordinari, invece, può essere fatta in qualsiasi momento ad iniziativa del Consiglio Direttivo o su richiesta motivata allo stesso di almeno due terzi dei soci.

ARTICOLO 12

Tutti i soci hanno diritto a partecipare all’assemblea con diritto di voto, purché si trovino nelle seguenti condizioni:

a)      Abbiano un’anzianità di iscrizione di almeno tre mesi;

b)      Siano in regola con il pagamento delle quote sociali.

Il socio può farsi rappresentare all’assemblea da un altro socio provvisto di delega. Ogni delegato non può rappresentare più di due soci.

ARTICOLO 13

Le assemblee sono valide in prima convocazione, qualora sia presente la metà più uno dei soci aventi diritto, ed in seconda convocazione, dopo un’ora dalla prima, qualunque sia il numero dei convenuti aventi diritto al voto.

ARTICOLO 14

L’assemblea ordinaria delibera su:

a)      Bilancio consuntivo e preventivo;

b)      Relazione del Presidente e relazione finanziaria del Cassiere

c)       Tutte le proposte avanzate del Consiglio Direttivo, compresa la programmazione delle iniziative.

L’assemblea ordinaria elegge, secondo le modalità che saranno stabilite di volta in volta, il Consiglio Direttivo, composto da nove membri.

ARTICOLO 15

I componenti del Consiglio Direttivo si riuniscono, appena eletti dall’Assemblea, per eleggere nel loro seno, a maggioranza assoluta dei presenti, il Presidente, il Vice Presidente, il Segretario, il Cassiere-contabile.

I posti che risulteranno vacanti, per qualunque ragione, nel consiglio Direttivo saranno colmati dagli altri consiglieri che seguono nell’ordine secondo il numero di voti ottenuti in assemblea.

ARTICOLO 16

Al Consiglio Direttivo è devoluto, in particolare , il compito di realizzare il programma approvato dall’assemblea. Il Consiglio Direttivo decide sull’ammissione dei soci. Il Consiglio Direttivo vigila sull’ osservanza dello Statuto.

ARTICOLO 17

Il Consiglio Direttivo viene convocato dal Presidente ogniqualvolta se ne ravvisi la necessità. Può essere fissato un calendario annuale di riunioni ordinarie.

ARTICOLO 18

Il Presidente presiede il Consiglio e rappresenta l’Associazione. Il Vice-Presidente assume le funzioni del  Presidente con gli stessi diritti in assenza di quest’ultimo.

ARTICOLO 19

Il consiglio Direttivo resta in carica per un biennio dal giorno della sua elezione. Le dimissioni della metà più uno dei componenti il Consiglio fanno ritenere dimissionario l’intero Consiglio.

ARTICOLO 20

L’anno sociale ha inizio l’ 1 gennaio e termina il 31 dicembre. Alla fine di ogni anno il Consiglio Direttivo procede alla compilazione dei bilanci consuntivo e preventivo dell’attività dell’ASSOCIAZIONE e al tempo stesso alla stesura del rendiconto finanziario riassuntivo.

ARTICOLO 21

L’assemblea può decidere sulla costituzione del Collegio dei Sindaci Revisori. In tal caso il Collegio è composto da tre persone, diverse dai Consiglieri.

Il Collegio dura in carica due anni e controlla la regolare tenuta dei libri sociali. Presenta all’assemblea una circostanziata relazione sul lavoro svolto

ARTICOLO 22

Il primo Consiglio Direttivo è composto dai soci fondatori e dura in carica fino al 31.12.1996.

Entro tale data sarà convocata la prima assemblea dei soci. 

ARTICOLO 23

I soci fondatori si impegnano a ricercare nuovi soci e a diffondere la finalità del presente statuto.

ARTICOLO 24

Il presente Statuto può essere modificato alla seguenti condizioni:

a)      che la proposta di modifica sia posta all’o.d.g. dell’assemblea

b)      che all’assemblea siano presenti almeno metà dei soci aventi diritto al voto

c)       che la proposta di modifica ottenga l’approvazione di almeno due terzi dei presenti.

ARTICOLO 25

In caso di scioglimento dell’Associazione, tutti i beni saranno messi a disposizione dell’Amministrazione Comunale.

ARTICOLO 26

Per quanto altro non previsto nel presente Statuto si fa riferimento alle norme previste dal Codice Civile in materia di Associazioni non riconosciute. 




.